Street art: il Salento che non ti aspetti!

Home / iniziative locali / Street art: il Salento che non ti aspetti!

Non passa giorno che sul web non circolino notizie sulla Street Art e su come questa stia ridefinendo le periferie italiane, soprattutto in città come Roma, Torino e Napoli dove il processo di riappropriazione di luoghi e identità è ormai indissolubilmente legato a muri, stencil, stickers e bombolette spray.

Sebbene negli ultimi mesi sia venuta alla ribalta al punto da portare istituzioni museali, istituti di cultura o il colosso Google a parlarne e analizzarla, la Street Art prende avvio negli anni ’80 a New York secondo alcuni a Los Angeles secondo altri, evolvendosi dal graffitismo a veri e propri capolavori.

Radicati come siamo alla concezione di un’arte salentina legata al sacro, al barocco e ai graziosi centri storici, restiamo esterrefatti di fronte ad articoli che associano queste dinamiche artistiche al nostro territorio.

È successo qualche mese fa: il NewYork Times gridava alla blasfemia mostrando una foto di un murale di San Sebastiano in slip D&G, fatto da OZMO, noto street artist di fama internazionale (udite, udite!) a RACALE!

E così arrivata sul posto scopro che quello è solo una parte di un progetto ben più esteso, che copre la piccola cittadina e non solo. Il ViaVai Project, questo il nome dell’iniziativa, ha portato e porterà fino ad Agosto nel Basso Salento artisti italiani e internazionali, che attraverso i muri restituiscono quelle suggestioni evocate dalla nostra cultura, tra volti, sapori ed esperienze fugaci.

Intanto, mi giunge all’orecchio che HOGRE, street artist romano, stia preparando 100 stencil da distribuire in giro per Melpignano in occasione di un festival musicale dove inoltre si terrà una mostra organizzata da SOUTH ITALY STREET ART, movimento artistico internazionale nato nel 2009 e di cui fanno parte anche alcuni street artists leccesi.

Sì, perché la street art, sebbene fenomeno underground, non è nuova da queste parti. Ne è una prova il Carmelo Bene di Checko’s Art nel quartiere di Santa Rosa a Lecce e non solo. Da anni infatti, gli street artists leccesi lavorano su progetti locali e internazionali la cui componente sociale è molte forte. Dalla casa circondariale di Lecce alle zone periferiche dell’est Europa, attraverso murales densi di colore e di significato, questo gruppo di artisti dà continuità ad un’arte nata per dare voce alle minoranze, astraendosi dalla semplice emulazione degli ultimi mesi.

 

Foto: viavaiproject.com

Recommended Posts

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment
Contattaci

Inviaci una mail per qualsiasi informazione, Vi risponderemo appena possibile!