Al museo con lentezza: lo #SlowArt Day sta arrivando!

Home / iniziative nazionali e internazionali / Al museo con lentezza: lo #SlowArt Day sta arrivando!

Quante volte vi è successo di uscire da un museo con un ricordo vago e confuso delle opere appena viste? A noi tantissime!Sono 8 i secondi che il visitatore medio dedica alle singole opere durante una visita al museo: 8 secondi per opere che raccontano secoli e secoli di storie!

Cosa succederebbe se ci si fermasse più a lungo di fronte ad un quadro? Se si abbandonasse la paura del rigore scientifico dello storico dell’arte per dare sfogo alla fantasia?

Phil Terry si è posto questa domanda nel 2008, durante una visita al New York Jewish Museum ed evidentemente l’esigenza di avvicinarsi all’arte con libertà e lentezza era abbastanza condivisa nel resto del mondo, tanto da portare all’istituzione di una giornata ad essa dedicata, lo Slow Art day appunto.

Fare esperienza senza esperti è l’idea alla base dello SlowArt day poiché gli unici strumenti di cui abbiamo bisogno sono lentezza e creatività che ci permetteranno di viaggiare attraverso le opere e appassionarci all’arte facendo appello alla cultura visiva che è insita in ognuno di noi.

Per un giorno i musei si liberano dall’accademismo, per rivivere in mille nuove storie: le nostre!

Duecento sono le istituzioni che il 12 Aprile 2014 ospiteranno l’iniziativa, pochissime quelle italiane e nessuna (finora) dal Salento, sebbene la filosofia della lentezza ci sia abbastanza familiare!

Aderire allo Slowart day è semplice, chiunque può farlo. Non è necessario che musei e gallerie approvino poiché non è un evento o una visita guidata ma un’esperienza di fruizione individuale!

Per partecipare è necessario:

  • scegliere 5 opere della collezione del museo interessato;
  • individuare un luogo in cui discutere della propria esperienza mentre si consuma il pranzo;

I visitatori dovranno:

  • prenotare la propria visita nel museo più vicino tramite il sito slowartday.com;
  • dedicare 10 minuti ad ognuna delle 5 opere scelte dall’organizzatore;
  • condividere con gli altri visitatori la propria esperienza durante il pranzo.

Nel pieno spirito della condivisione i partecipanti potranno raccontare la propria giornata su facebook, twitter e tumblr.

Non resta che scegliere un museo e dare spazio alla creatività!

 

“It’s not what you look at that matters, it’s what you see.”

Henry David Thoreau

Recommended Posts

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment
Contattaci

Inviaci una mail per qualsiasi informazione, Vi risponderemo appena possibile!